le cupcake quotidien

le cupcake quotidien
photo Wanda Kujacz

mardi 24 avril 2012

Il paese dei gatti


Commento a quattro mani dedicato a tutti coloro che dopo aver letto il libro si sono ritrovati a scrutare il cielo alla ricerca della seconda luna..


Ma dov’é il paese dei gatti? questo luogo onirico e meraviglioso che cerchiamo e non troviamo.. e poi un giorno veniamo catapultati in quella stazione immaginaria di quella città deserta dai silenzi abissali che ci incuriosisce e intimorisce al tempo stesso, la città dove sono nascoste le parti più segrete di noi, anche a noi stessi.
E allora alla ricerca di quella comprensione più grande del nostro essere a volte lo vorremmo davvero prendere quel treno, con lo spirito di una gita di un giorno. Una rivista lucida e colorata nelle mani, scarpe da ginnastica e un paio di jeans.. lo sguardo che accarezza il paesaggio che scorre fuori dal finestrino. Niente deve lasciar presagire, soprattutto a noi stessi, che quella é qualcosa di piu di una giornata lontani da casa.. anche perché forse non troveremo le risposte che cerchiamo, ma provarci é già un inizio. Lasciare delle tracce e guardare oltre il giardino di casa propria può lasciare spazio a percorsi inimmaginabili. Non sempre percepiamo l’ampiezza di questa prospettiva standocene comodamente sdraiati sul divano! L’altro giorno ho letto una frase bellissima in un libro emozionante «il destino non fa consegne a domicilio». Apparentemente potrebbe sembrare in antitesi con lo spirito di casualità che guida il protagonista del paese dei gatti.. ma se analizziamo le storie da vicino capiamo che di casuale non c’é nulla e siamo sempre noi a manovrare, incuriosire e provocare il nostro essere vivi. Ma gli stimoli che tentano di portarci in mille direzioni sono troppi, devono essere selezionati.. dobbiamo seguire quelli positivi che aiutano a costruire e capire e usare quelli negativi per saperli riconoscere quando li incontriamo ed evitarli. Tutto può essere utile a formare un pensiero, una prospettiva diversa. Abbiamo bisogno di tutti gli elementi possibili per pensare autonomamente e prenderci il lusso di seguire la corrente quando l’istinto ci dice che é la cosa giusta da fare.
Rischiare di perderci … perché no? Ritrovare la libertà di non sapere, toglierci dalla testa tutti i no che l’educazione ci attacca addosso fin da bimbi, tornare in quello stato infantile, in cui non si conoscono i pericoli e tutto ci sembra ancora nuovo, ancora non scontato.
La magia di un biglietto comprato all’ultimo momento, tutto via via, tutto per istinto.
Certo che si può e se ci viene in testa un no allora abbiamo il dovere e diritto di rispondere a questa domanda: “davvero pensi di non meritartelo?”
Il personaggio si perde. Non tornerà mai più indietro, resterà vittima della propria curiosità. Sembra una follia e lo è. Ma ne abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno d’esser folli qualche volta per bucare questa bolla di normalità che dopo un po’ finisce l’aria e ci fa soffocare.
 … oh mio Dio, sono finito in un’altra dimensione e non tornerò più indietro, ma adesso so che ci sono altri mondi e non mi passa neanche per la testa di tornare, quello che mi interessa è di trovarne altri ed altri ancora … quando è stata l’ultima volta che i miei occhi si sono meravigliati?
E’ tutto fuori. E’ la vita. E’ il vento che profuma e che chiamiamo brezza solo quando siamo fuori dalla bolla, altrimenti è solo vento.
E’ magia che non va solo pensata o scritta, il mondo è fuori e va vissuto: un passo, fuori, una stazione, un posto accanto al finestrino, una mano da tenere stretta, un libro da portare in borsa, una fermata prima di quella prevista o una fermata successiva, un vicolo, un angolo, un signore sconosciuto che sorride e ti racconta la sua città che non conosci ancora e ti regala una storia …

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire

Remarque : Seul un membre de ce blog est autorisé à enregistrer un commentaire.